Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home
Dal passato al futuro. Biblioteche alla svolta PDF Stampa E-mail
Sallentina
Martedì 23 Agosto 2011 08:34

[ne “L' Idomeneo”. Rivista della Sezione di Lecce / Società di storia patria per la Puglia, Panico, Galatina, 2008, pp. 93-97]

 

"Le biblioteche sono luoghi strani: possono

essere state considerate per secoli "medicina

dell'anima" come recitava una iscrizione sul

fronte di quella di Alessandria d'Egitto e

consegnate per dispetto alle fiamme, come

avvenne alla stessa nel 47 dopo Cristo; sono,

per citare un autorevole scrittore antico che

risponde al nome di Plinio, la dimora prediletta

dei grandi "le cui anime immortali ancora ci

parlano", e possono diventare sacre come

templi se in esse trovano sepoltura gli uomini

famosi, come Ludovico Ariosto che riposa in

quella di Ferrara. Ed avendo un così illustre

blasone sono dotate conseguentemente di

inesauribili risorse, solo che le si sappia

interrogare al momento giusto".

 

Sono passati esattamente dieci anni da quando nel presentare ad un pubblico di colleghi ed addetti ai lavori la Biblioteca Provinciale di Lecce, con grande amarezza e con molto coraggio ne stigmatizzavo la situazione fornendone un affresco a tinte fosche, più ombre che luci per intenderci, che non avrebbe mancato nel tempo di attirarmi le frecciate degli amministratori di turno per l'estrema spregiudicatezza e la crudezza con cui ero arrivato a definirlo' . Oggi la situazione si è evoluta, modificandosi in senso positivo s'intende, ed è perciò che sono qui a rendere la mia testimonianza, all'interno di questa serie di incontri che vuole indurci alla riflessione sul tema dell'identità salentina. Ho accettato volentieri l'invito dell'amico e collega Mario Spedicato, perché ilcambiamento in atto, come sentirete dagli interventi di Loredana Gianfrate e Daniela Caracciolo, è radicale e l'approccio alle più avanzate moderne tecnologie, in coincidenza con il nuovo millennio, legittima una prospettiva, a dir poco ottimistica, del problema.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Dal passato al futuro. Biblioteche alla svolta.pdf)Dal passato al futuro. Biblioteche alla svolta.pdf 439 Kb

Torna su