Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home
Raffaele Spongano e il suo Salento PDF Stampa E-mail
Sallentina
Martedì 06 Settembre 2011 08:08

[in Da Dante a Croce. Proposte, consensi, dissensi, Congedo Editore, Galatina, 2005, pp. 163-169. Pubblicazioni del Dipartimento di Filologia, Linguistica e Letteratura dell’Università di Lecce]

 

A Raffaele Spongano

per i suoi cento anni.

 

Sento un certo disagio nell’iniziare a scrivere questo pezzo non so se di ricordi o di cronaca o di storia, in onore di Raffaele Spongano. Come farò a parlare di lui e del suo, del nostro, Salento, per festeggiare i suoi cento anni, io che ne ho soltanto dieci di meno (anzi nove e cinque mesi), senza parlare di me, salentino come lui?, e che mossi, ancor ragazzo si può dire, i primi passi d’italianistica sotto lo sguardo rigoroso, severo, ma anche affettuoso e incoraggiante di lui, mio professore di italiano nella seconda classe del Liceo classico “Colonna” a Galatina? Si era nel 1932-33, ed egli ne aveva vent’otto, di anni, fresco professore di ruolo nei Licei, ed io diciotto, fra i banchi di fronte a lui, studentello curioso, avido, caotico autodidatta, e per giunta discoletto e pronto alla battuta pungente. Difficile davvero, per me, fermare senza emozione nel tempo e sulla carta il lungo e operoso impatto di Raffele Spongano con il suo Salento. Eppure, quando, col caro Pasquini, si progettò questa iniziativa per il centenario che rapidamente s’appressava, io di botto e con immediatezza assoluta formulai per me l’argomento: “Spongano e il suo Salento”, senza rendermi conto che fatalmente quel “suo” si sarebbe mutato in “nostro”. Ma ormai tant’è; e così sia.

Per continuare a leggere, clicca qui.


Torna su