A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Saggi e Prose Economia SAGGI DI CRITICA DELLA POLITICA ECONOMICA 8/9
SAGGI DI CRITICA DELLA POLITICA ECONOMICA 8/9 PDF Stampa E-mail
Economia
Mercoledì 14 Settembre 2011 16:52

[Sud Critica del 12 settembre 2011: http://www.sudcritica.it/]

 

Il paradosso della politica economica del governo

 

La proposizione “in tempo di crisi occorre fare sacrifici” - ribadita quotidianamente dalla gran parte dei leader politici italiani ed europei, non solo non è affatto scontata, ma non dice nulla in merito a chi e perché dovrebbe sacrificarsi in regime di crisi. Questa proposizione non è affatto scontata perché i “sacrifici” ai quali si fa riferimento, sostanzialmente la riduzione di salari e stipendi, la compressione dei diritti dei lavoratori dipendenti, la crescente precarizzazione, lo smantellamento delle reti di protezione sociale,  sono il risultato di una precisa scelta di politica economica, che si muove, ormai da troppi anni, lungo la linea della riduzione della spesa pubblica e dell’aumento della pressione fiscale. E’ una scelta politica e, in quanto tale, niente affatto neutrale, che viene motivata sulla base dell’argomento che il debito pubblico italiano è eccessivamente elevato. Cosa esattamente significhi eccessivamente elevato non è dato sapere, a meno di non far riferimento ai parametri del Trattato di Maastricht, laddove si impone, anche qui per una scelta politica, ai Paesi membri dell’Unione europea la convergenza del rapporto debito pubblico/PIL al 60%.

Da dieci anni, come certificato dall’ultimo rapporto SVIMEZ, l’economia meridionale cresce meno di quella del Centro-Nord. Il tasso di disoccupazione è in aumento, così come il tasso di disoccupazione giovanile, è in crescita il tasso di mortalità delle imprese e circa un milione di individui, prevalentemente giovani con alta scolarizzazione, hanno lasciato il Sud nell’ultimo decennio, prefigurando, se la tendenza persiste - un Mezzogiorno popolato prevalentemente da individui di età superiore ai 60 anni nel 2030. La disponibilità di beni pubblici essenziali (sanità, istruzione, trasporti) è in larghissima misura insufficiente, sia sul piano quantitativo, sia sul piano qualitativo.

La riduzione dei trasferimenti agli Enti locali è pienamente coerente con questa linea, e non può non peggiorare le condizioni di vita soprattutto dei cittadini meridionali e soprattutto rendere ancora più inefficiente il funzionamento delle amministrazioni periferiche.

La motivazione governativa, con riferimento al Sud - richiama le programmazioni “disinvolte”degli Enti locali meridionali, sottolineando la necessità di monitorare la spesa e sanzionare gli sprechi.

Questa impostazione necessita di almeno due chiarimenti.

1) Il fatto che gli amministratori meridionali siano meno capaci dei loro colleghi del resto d’Italia è qui posto come un assunto, che, a parte qualche imbarazzante dichiarazione di esponenti leghisti, sembrerebbe implicitamente rinviare a un dato antropologico: i meridionali, proprio perché meridionali, non sanno gestire la cosa pubblica. Niente altro che una riproposizione della nota tesi del “familismo amorale” che caratterizzerebbe gli abiti mentali delle popolazioni meridionali.

2) Non si capisce cosa si intende esattamente per spreco di risorse. La categoria dello spreco è, in moltissimi casi, una categoria relativa, nel senso che ciò che è spreco per alcuni gruppi sociali può non esserlo per altri. A titolo puramente esemplificativo, si consideri il caso del Ponte sullo stretto di Messina. E’ noto che gran parte della popolazione siciliana lo considera spreco, preferendo . a parità di finanziamenti . il potenziamento delle infrastrutture interne all’Isola. E tuttavia, la costruzione del Ponte non sarà certamente uno spreco di risorse per le imprese che saranno chiamate a realizzarlo (ove mai dovesse essere realizzato).

Se si prescinde dall’uso illecito delle risorse pubbliche, e dai rapporti di connivenza con la criminalità organizzata, che evidentemente configurano rilievi penali e che costituiscono un capitolo a parte rispetto alle proposte del Governo, occorre considerare il fatto ovvio che il funzionamento della pubblica amministrazione non è indipendente dal contesto sociale ed economico nel quale essa opera. In particolare, in contesti di alta disoccupazione e di bassi salari, la Pubblica Amministrazione tende a svolgere un ruolo ‘improprio’ di datore di lavoro di ultima istanza, e ciò in prima battuta del tutto indipendentemente dalle capacità di chi amministra.  Dunque, se esistono sprechi, essi si generano perché le condizioni economiche e sociali dell’area sono degradate, non perché chi amministra è incompetente. In una situazione di questo tipo, si genera un circolo vizioso: al crescere della disoccupazione peggiora il processo di selezione degli amministratori locali, e ciò comporta il fatto che l’uso delle risorse pubbliche diventa progressivamente meno produttivo. In tal senso, la riduzione dei trasferimenti agli Enti locali rischia di produrre esattamente gli effetti che il Governo auspica non si producano.

Se si accoglie questa tesi, l’impostazione di politica economica fatta propria dal Governo andrebbe ribaltata: maggiore spesa pubblica e minore tassazione nel Mezzogiorno costituirebbero la principale strategia per l’aumento della domanda e, dunque, dell’occupazione, innescando un circolo potenzialmente virtuoso stando al quale le amministrazioni locali si troverebbero nella condizione di poter usare in modo più efficiente le risorse disponibili. Giacché, contrariamente all’opinione dominante, corruzione, sprechi e inefficienze si generano proprio quando le risorse sono scarse.

 

 

Sacconi: quando il furore ideologico frena la crescita


[MicroMega online del 14 settembre 2011]

 

La manovra finanziaria appena approvata, come rilevato dalla gran parte dei commentatori e da Confindustria, è interamente finalizzata a cercare di ridurre l’indebitamento pubblico, e il Governo intende rinviare a un successivo intervento l’adozione di misure di politica economica per la crescita. Il Fondo Monetario Internazionale stima, per il prossimo anno, un tasso di crescita dell’economia italiana inferiore a un punto percentuale, ed è probabile che il tasso di crescita nel quarto trimestre del 2011 abbia segno negativo.

Le cause della bassa crescita italiana, che risale ad almeno un decennio, sono molteplici e, fra queste, le piccole dimensioni aziendali della gran parte delle nostre imprese sembra costituirne una delle più rilevanti. Ciò per due ragioni. In primo luogo, le imprese di piccole dimensioni, di norma, sono poco innovative, soprattutto perché – avendo difficile accesso al credito bancario e disponendo di margini di profitto bassi – non sono nelle condizioni di finanziare l’adozione di nuovi processi produttivi e/o di nuovi prodotti. In tal senso, la nostra struttura produttiva non è tale da produrre significativi incrementi di produttività. In secondo luogo, il ‘nanismo imprenditoriale’ è, di norma, associato a bassi salari e a elevato rischio di fallimento, con conseguenze negative sul tasso di disoccupazione in particolare nelle fasi recessive. In questo contesto, essendo mediamente bassi i salari, sono bassi i consumi e, a seguire, è debole l’incentivo ad accrescere gli investimenti. A ciò si aggiunge che, salvo rare eccezioni, le imprese di piccole dimensioni operano prevalentemente su mercati locali e, dunque, non essendo presenti sui mercati internazionali non contribuiscono alla crescita del Pil attraverso le loro esportazioni. Il problema è accentuato nel Mezzogiorno, dove, su fonte Svimez, circa il 90% delle imprese esistenti ha meno di nove dipendenti. Ha contributo non poco a definire questa struttura produttiva – e dunque a decretare l’inefficacia delle politiche industriali - la retorica del “piccolo è bello”, che ha dominato per lunghi anni il dibattito di politica economica in Italia, e che torna periodicamente a legittimare improbabili invocazioni alla cooperazione fra capitale e lavoro, che costituirebbero il tratto distintivo della piccola impresa e, dunque, il tratto distintivo della struttura produttiva italiana.

Va rilevato che il ‘nanismo imprenditoriale’ italiano è stato (ed è) anche incentivato dalle politiche di precarizzazione del lavoro. Ciò per la seguente ragione. I lavoratori con contratti a tempo determinato, in ragione dell’elevata incertezza in ordine al rinnovo del loro contratto, tendono a comprimere i loro consumi correnti, per eventualmente attingere ai risparmi accumulati durante il periodo di lavoro in caso di licenziamento. A parità di altre circostanze, ciò genera una domanda di beni e servizi inferiore a quella che potrebbe generarsi in condizioni di maggiore regolamentazione contrattuale. Conseguentemente, le imprese tendono a reagire comprimendo la produzione e, dunque, ad assestarsi su soglie dimensionali più basse di quelle che potrebbero raggiungere nel caso in cui la domanda fosse più alta. Vi è di più. La precarizzazione del lavoro tende anche a ridurre la produttività, per la seguente ragione. In assetti produttivi nei quali la produzione è il risultato della cooperazione fra lavoratori all’interno di un team, la produttività del lavoro dipende in modo significativo dal grado di cooperazione fra lavoratori, che, a sua volta, si traduce nel passaggio di informazioni e, più in generale, nella loro attitudine alla reciprocità. In condizioni nelle quali è elevato il grado di incertezza in ordine al rinnovo del contratto di lavoro, è ragionevole ritenere che la cooperazione fra lavoratori si riduca. In tal senso, la ‘flessibilità’ contrattuale tende a promuovere la competizione (o il conflitto) fra lavoratori, riducendo la produttività del team.

A fronte di questa evidenza, il Ministro Sacconi sta predisponendo ulteriori misure di flessibilità contrattuale. Ci si riferisce, in particolare, alla norma che vieta il licenziamento senza giusta causa – cardine dello Statuto dei lavoratori – che potrà essere agevolmente aggirata da “accordi locali” fra impresa e sindacato. Si può notare che questo dispositivo – rendendo di fatto più facili i licenziamenti – e per di più applicato in fase recessiva non potrà produrre altri risultati se non un aumento della disoccupazione e, contestualmente, introdurre ulteriori incentivi per le imprese a non accrescere le proprie dimensioni. E a seguire: riduzione dei consumi, riduzione della produttività, disincentivo alle innovazioni. In definitiva, un provvedimento – definito “rivoluzionario” dalla propaganda governativa – dal quale non ci si può attendere altro che un ulteriore freno alla crescita. Nulla di tutto questo, però, nelle previsioni del Ministro Sacconi. La ratio che ispira questo provvedimento, a suo avviso, sta nella convinzione che le ‘nuove’ relazioni industriali sono (o devono essere) ispirate a principi di collaborazione fra datori di lavoro e lavoratori, secondo una logica per la quale il conflitto non è fra capitale e lavoro, ma è ‘orizzontale’, fra lavoratori precari e lavoratori iperprotetti. Dove questi ultimi sono responsabili delle peggiori condizioni di lavoro dei primi. Volendo dare credito ‘scientifico’ a questa tesi, si può ricordare la celebre tesi del Premio Nobel per l’Economia Paul Samuelson: “In un mercato perfettamente concorrenziale, non importa chi assume: il capitale può assumere lavoro, così come il lavoro può assumere capitale”. Ma Samuelson si riferiva a mercati perfettamente concorrenziali: nulla di più lontano dal mondo nel quale viviamo.

Con ogni evidenza, la linea Sacconi si muove nella direzione – già intrapresa da molti anni in Italia – di mettere le nostre imprese in condizioni di competere comprimendo i costi di produzione e, in particolare, i costi connessi alla tutela dei diritti dei lavoratori. Una linea che non tiene conto del fatto che la precarizzazione del lavoro riduce i consumi e riduce la produttività. Ovvero, in ultima analisi, una linea di politica del lavoro che non fa altro che accentuare la recessione.


Torna su