A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Poesia Poesia VENNE IL GUERCIO…
VENNE IL GUERCIO… PDF Stampa E-mail
Poesia
Mercoledì 21 Settembre 2011 16:21

UN MISTERO… MISTERIOSO

Erano le sette di un giorno di settembre del 2003. Non ricordo la data esatta.

Invitato a Saxa Rubra, a Roma, nei Centri di produzione RAI, per un’intervista-conversazione su satira, umorismo e caricatura nel programma Uno Mattina, attendevo in un salottino di essere chiamato in trasmissione di lì a qualche minuto.

Davo uno sguardo distratto alle pareti, piene di quadri e fotografie, quando mi ha incuriosito un foglio scritto a mano, in bella grafia, fissato con uno spillo su una tavoletta di sughero appesa poco lontano dalla porta d’ingresso.

Il testo che segue – dimenticato e saltato fuori di recente dalle mie carte solitamente in disordine – l’ho appunto ricopiato in quella occasione.

Era del tutto anonimo, senza alcuna firma o altri segni di riconoscimento. Né ho trovato qualcuno, nella circostanza, che potesse darmi ulteriori informazioni al riguardo.

All’ignoto autore – che non dispero d’incontrare – va tutta la mia ammirazione e gratitudine, per il grande contenuto ironico del suo breve e intenso ‘poemetto’, che mi piace divulgare e condividere con i nostri Lettori.

Roma, gennaio 2011

Antonio Mele ‘Melanton’


 

VENNE IL GUERCIO…

 

Venne il guercio e mi disse:

“Guarda sempre lontano,

se vuoi sperare”.

Il monco prendeva le armi

e le oliava per la sua battaglia,

mentre lo storpio stringeva i bulloni

della sua gamba di legno,

e parlava con il muto

della tattica migliore per vincere.

Il sordo saltava come impazzito

sentendo le trombe suonare.

E sono partiti tutti,

questo esercito grandioso

di pazzi, di rifiuti, di straccioni,

mentre il sole baciava

i nostri corpi desiderosi d’avventura,

e noi sputavamo sopra

i giudizi comuni della gente.

Ladri, plagiati, maniaci,

leggete questo bando

ed accorrete nelle nostre file:

chi vi ha ridotto così

piangerà nel vederci cambiati

e pronti al riscatto.

Noi li ringraziamo,

perché mai,

prima di arrivare a questo stato,

avremmo avuto

il coraggio di unirci.


Torna su