A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Poesia Poesia A MIMMO ANTERI, PITTORE
A MIMMO ANTERI, PITTORE PDF Stampa E-mail
Poesia
Domenica 16 Ottobre 2011 12:18

[Scritta in occasione della personale di pittura di Mimmo Anteri presso la Canonica e Scriptorium di Santo Stefano a Soleto (LE), 15-30 ottobre 2011].

 

Un volo di gabbiani

verso mete lontane

nell’algido chiarore

di un’alba settembrina,

il vanire di un sogno

nell’opalino splendore


di un cielo che digrada

e si fonde col mare,

ci narra di trascorse età,

di quiete

nel tumultuante mondo

dell’era spaziale.

Poi d’improvviso la vita,

il ricordo di questa vita

ritorna prepotente

e un filo rosso sottile, tenace, costante

si snoda sinuoso, lineare

e ricorda

il nostro appartenere alla terra;

ma il sogno rimane,

il tuo pennello, Mimmo,

ci trasporta in un mare perduto,

in un cielo deserto

popolato solo da voli di uccelli,

o su una deserta roccia

dove si quieta nell’assorto silenzio

il nostro affanno.


Torna su