Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Aldo Vallone


A dieci anni dalla scomparsa di Aldo Vallone 2: Inferno II PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Giovedì 17 Maggio 2012 11:31

DIVINA COMMEDIA: INFERNO - COMMENTO CANTO II

in

Aldo Vallone e Silvio Pasquazi, nella prestigiosa cornice della biblioteca Vallicelliana di Roma, commentano il Canto II dell`Inferno. Nell`invocazione alle Muse, che apre il canto, si ravvisa il tema, ricorrente, della "memoria storica", ossia delle insicurezze e dei timori di Dante, che ha paura di non riuscire a rappresentare fedelmente ciò che ha visto nel viaggio. A questo tema si collega quello della "viltà", o meglio della sfiducia di Dante in se stesso, del suo non sentirsi più all`altezza di fronte al compito assegnatogli. Perché proprio a lui la possibilità di visitare l`aldilà? Il suo viaggio risponde ad un disegno provvidenziale, ad un volere divino. Solo grazie al conforto di Virgilio e alle rassicurazioni delle tre donne celesti, la Madonna, Santa Lucia e Beatrice, Dante ritroverà la sicurezza che gli serve. Anche nel Paradiso, preannunciano i commentatori, l`avo Cacciaguida sarà orgoglioso che Dante, suo discendente, sia stato prescelto per l`alto compito.

Clicca qui


A dieci anni dalla scomparsa di Aldo Vallone 1: Inferno VI PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Giovedì 03 Maggio 2012 08:17

DIVINA COMMEDIA: INFERNO - COMMENTO CANTO VI

 

In

Aldo Vallone e Silvio Pasquazi, nella suggestiva cornice della biblioteca Vallicelliana di Roma, commentano il sesto Canto dell`Inferno. Si tratta di un canto breve, ma denso di significato e di rimandi. Tutti i sesti canti infatti contengono il tema politico. Questo, inoltre, è intriso di realismo e cortesia, di contrapposizione tra toni mesti e toni forti, caratteri tipici della tragedia. Tra le anime dei golosi, Dante incontra il fiorentino Ciacco, che è qui personaggio basso, contrapposto all`alta funzione che gli viene affidata nel pronunciare il messaggio politico e nel vaticinare le vicende fiorentine tra il 1300 e il 1302. Al centro dell`invettiva contro Firenze, dicono i commentatori, dominata da superbia, invidia e avarizia, aleggia, per contrapposizione, una precisa nozione di "umanesimo civile". Dove si trovano le anime più insigni della Firenze di Dante? Nei cerchi più bassi: tra eretici, sodomiti e seminatori di discordie, risponde Ciacco. Qui Vallone e Pasquazi rimarcano il tema della imprevedibilità dei disegni divini. "Quando tu sarai nel dolce mondo..." è il dolcissimo commiato di Ciacco a Dante, il quale subito ripiomba, per contrapposizione, in uno stato di ebetudine. Il canto si chiude, infine, con una "questio filosofica" sul ricongiungimento di anima e corpo dopo il giudizio universale.

Clicca qui


Pietro Siciliani (1835-1885) PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Sabato 03 Settembre 2011 15:47

[Estr. da: Archivio storico pugliese. Organo della Società di Storia Patria per la Puglia, 2 (1949), fasc. 1-2]

 

Pietro Siciliani nacque a Galatina (Lecce), nel 1835, da buona famiglia borghese. Compì gli studi medi presso Istituti religiosi, quelli superiori a Napoli, terminandoli poi a Pisa nel 1861 con la laurea in medicina. Un anno dopo passava a Firenze come professore di filosofia al liceo Dante, ove rimaneva fino al 1867. Periodo vario e denso di studi fu questo per il Siciliani. Con lo stipendio, anche se non largo, e con gli aiuti, anche se parsimoniosi ma continui, di don Rosario, fratello amatissimo e custode geloso dei beni aviti, egli potrà avviarsi alla ricerca e allo studio della filosofia con sicura e libera baldanza giovanile e non ininterrotto entusiasmo.

In allegato leggi la continuazione e poi il necrologio che a Siciliani dedicò Giosuè Carducci nell’Annuario dell’Università di Bologna del 1886.
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Giosuè Carducci, Cenni necrologici.pdf)Giosuè Carducci, Cenni necrologici.pdf 246 Kb
Scarica questo file (Aldo Vallone, Pietro Siciliani (1835-1885).pdf)Aldo Vallone, Pietro Siciliani (1835-1885).pdf 886 Kb

Profilo di Sigismondo Castromediano PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Lunedì 04 Luglio 2011 06:59

[Profilo di Sigismondo Castromediano, in “La Zagaglia” Rassegna di scienze, lettere ed arti, a. I, n. 1 (marzo 1959), pp. 83-86].

 

Tra i patriori del Salento un posto particolare spetta a Sigismondo Castromediano (Cavalllino di Lecce 20 gennaio 1811 – 26 agosto 1895), che dopo 11 anni passati nelle galere borboniche (30 ottobre 1848 - 15 gennaio 1859), tornò a vivere con umiltà e dignità, con purezza di ideali sempre, tra i suoi concittadini. Il documento di tutta una vita e del carattere di un uomo è consegnato, alle Memorie, che, almeno nelle parti più vive e drammatiche, meritano oggi di essere ricordate accanto a quelle di altri memorialisti ed esuli meridionali: N. Scavoni Carissimo,  N. Palermo, G. Pica, A. Garcea, S. Spaventa, C. Poerio e così via, fino ai sommi F. De Sanctis e L. Settembrini e ai felici cenni ch’è dato trovare nei Ricordi di un orfano di G. Toma. Ma questa è tutta una zona da riscoprire e studiare accanto a quella, ben più nota e circolante nella cultura storica e letteraria, dei memorialisti piemontesi, lombardi e toscani.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Aldo Vallone, Sigismondo Castromediano.pdf)Aldo Vallone, Sigismondo Castromediano.pdf 175 Kb

Contributo alla storia del meridionalismo repubblicano in Puglia: Antonio Vallone PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Mercoledì 08 Giugno 2011 11:50

 

 

Tre persone, certamente, contarono nella educazione e sugli orientamenti politici di Antonio Vallone prima ancora del suo ingresso attivo nella vita parlamentare: Pietro Siciliani, di cui sostenne l’infelice candidatura “irredentista” nel Collegio di Maglie nel 1882; Antonio De Viti De Marco, di cui prima seguì  e poi affianco in venticinque anni le vicende politiche ed elettorali; e soprattutto Guglielmo Oberdan, amico e collega a Roma in due anni di studi universitari presso la Facoltà d’Ingegneria. Persone diverse per studi, carattere, provenienza, estrazione sociale; ma tutt’e tre promossero in lui una visione laica del mondo e dei rapporti tra gli uomini; lo convinsero, per vie opposte, qualvolta, e per linee discontinue, che la civiltà è in progressione perenne, e la sua validità vera è quando assicura (e non turba) le conquiste del popolo. Su questo cammino egli trovava conferma alla ideologia repubblicana e mazziniana, che non gli creava assolutamente contrasti nell’urto col progressismo scientifico dell’età positivistica.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Aldo Vallone, Antonio Vallone.pdf)Aldo Vallone, Antonio Vallone.pdf 17748 Kb

<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 3
Torna su