Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Home
GIUSEPPE MAZZINI E I REPUBBLICANI SALENTINI PDF Stampa E-mail
Sallentina
Mercoledì 06 Aprile 2011 16:55

«Pour Mazzini il y a la libertè. Pour Garibaldi il y a la patrie. Pour nous il y a l'Italie». Questa affermazione è di Victor Hugo e venne pubblicata il 3 giugno 1888 sullo «Spartaco» di Gallipoli, periodico dell'Associazione democratica elettorale di quella Circoscrizione.  Giuseppe Mazzini (Genova 1805 - Pisa 1872): dentro queste due date e questi 67 anni di vita vissuta per gli ideali repubblicani sta tutt’intera la vita di questo Grande Italiano, questo apostolo del Risorgimento nazionale ed europeo, un padre della patria Italia. La sua vita è segnata da atti e prese di posizione che al solo leggerle danno l’esatta misura del ruolo da lui svolto durante buona parte del secolo XIX.  Nel 1831, quando aveva ancora solo 26 anni, Giuseppe Mazzini fondò a Marsiglia la “Giovine Italia”, un’organizzazione politica il cui obiettivo era un’Italia  unita e repubblicana. Con la costituzione di questa associazione si vuole indicare l’inizio del Risorgimento unitario nazionale. Pochi anni dopo, nel 1834, fondò a Berna la “Giovine Europa” e, nel 1848, nuovamente in Italia, l’Associazione Nazionale Italiana; nel 1849, assieme a Saffi, Armellini e Carlo Pisacane, fu il promotore e il sostenitore e il triumviro della sfortunata Repubblica di Roma;  nel 1850, a Londra, fondò il Comitato Democratico Europeo e, sempre su sua iniziativa, in Italia, il Comitato Nazionale Italiano che, nel 1854-55, diventò il Partito d’azione; nel 1860, assieme a Garibaldi, partecipò alla preparazione della spedizione dei Mille; mentre, nel 1866, fondò l'Alleanza Repubblicana; infine, nel 1871, di nuovo a Londra, fondò e pubblicò il periodico «Roma del popolo». Scrisse opere fondamentali per la costruzione del pensiero nazionale e continentale europeo, tra cui, nel 1855, “Del dovere d'agire”; nel 1858, pubblicò il periodico «Pensiero e azione» prima in Italia poi, nel 1860, a Londra.

Leggi tutto...

Lezione di Francesco G. Giannachi: Le iscrizioni greche della chiesa di S. Maria di Misciano a Muro PDF Stampa E-mail
Lezioni a.a. 2010/11
Martedì 05 Aprile 2011 22:08

Dim lights Download


Lezione di Nicola Magrone: Nella "chioma di Giuditta" i segreti di Ignazio Silone PDF Stampa E-mail
Poeti e prosatori italiani del Novecento
Martedì 05 Aprile 2011 06:01

Lezione di lunedì 4 aprile 2011

 

Dim lights Download


Occasioni artistiche salentine PDF Stampa E-mail
Arte
Sabato 02 Aprile 2011 12:07


1. So-stare, raccontare…

Questo scritto fa parte del Catalogo “Sostareasud”, a cura di Marinilde Giannandrea, pubblicato in occasione della mostra pittorica di cinque artisti salentini (Corrima, Rosamaria Francavilla, Romano Sambati, Fernando Schiavano, Carlo Michele Schirinzi. ) tenutasi dal 23 maggio al 21 giugno 2010 a Galatina presso la Galleria d’Enghien.

 

Sarebbe interessante sapere quanto nella nostra vita avvenga per elezione e quanto invece per necessità. Mettere un quanto e l’altro sui piatti di una bilancia e vedere quale dei due pende di più: sarebbe istruttivo e ridimensionerebbe molta nostra prosopopea.

 

Partire o rimanere? Non ho mai saputo se dipenda dalla volontà o dalla necessità. L’appello più volte reiterato nella storia recente: “Partite, partite, andate al Nord!” rientra in quelle forme di esortazione che mirano a conservare interessi consolidati formatisi in loco. Diffidiamone! Restare, poi, per fare che cosa, se non ce n’è bisogno? Facciamo come gli uccelli, che migrano, sempre tornando, e so-stano, né più né meno!

Leggi tutto...

Nel giardino dell'Eden 5 PDF Stampa E-mail
Ecologia
Giovedì 31 Marzo 2011 19:12

Ciclisti a Lecce

 

Se la mattina, verso le 8.30, e la sera, verso le 18.30, vedete un ciclista con zaino sulle spalle e un caschetto azzurro, destreggiarsi nel traffico tra il centro di Lecce e Ecotekne, bè, quello sono io. Ho scelto la bicicletta per muovermi tra casa e ufficio, all'Università. Quei quaranta minuti, tra andata e ritorno, sono la mia ginnastica quotidiana, e ne sono molto contento. Anzi, sarei molto contento se non ci fosse qualche problemino lungo il mio tragitto. Prima di tutto il fondo stradale. All'ingresso di Lecce, dopo la salita da Monteroni, la strada è dissestata in modo quasi intollerabile per la parte del corpo che poggia sul sellino. Ma se l'abbiamo appena asfaltata! potrebbe dirmi un solerte amministratore. Sì, è vero, ma l'asfalto liscio è solo al centro. La parte destra della carreggiata, quella dove devono andare i ciclisti, è rimasta dissestata. Se cerco di stare sul "liscio" le auto mi passano a un millimetro di distanza, per sorpassarmi. D'altronde devo stare molto attento a tenere bene la destra, perché l'apertura improvvisa di uno sportello è sempre in agguato. Le rotonde sono un incubo.

Leggi tutto...

Missili umanitari PDF Stampa E-mail
Storia e Cultura Moderna
Mercoledì 30 Marzo 2011 12:16

Ecco, ancora insieme, due parole in sé contraddittorie, due parole che sommano violenza e ipocrisia: guerra umanitaria. Come può definirsi umanitaria una guerra, se è mille volte provato che comunque i cosiddetti attacchi mirati non risparmiano i civili, e comunque seminano distruzione? La guerra, ogni guerra, qualunque sia la giustificazione o il limite o la ragione di volta in volta invocati, è distruttiva: di vite umane e animali, di risorse, di ambiente, di natura, di paesaggio, di storia. La buona coscienza democratica occidentale va dicendo, nel caso della Libia, che, se questo accade, è un sacrificio non voluto, né preventivato, e comunque l’obiettivo è colpire solo basi militari e strutture di difesa per attuare la no fly zone, rendere impotente il raìs, bloccare il massacro di insorti, aiutare gli stessi a portare a termine il sogno di una democrazia appena pronunciato. Aiutare gli insorti: benissimo, ma perché non diffondendo le loro ragioni, tessendo rapporti con loro, conoscendo bene la loro composizione politica e i loro obiettivi, facendo propria la loro causa democratica? La guerra dischiude un teatro di violenza che genera violenza, e le stesse insurrezioni pacifiche vengono trascinate nel vortice bellico.

Leggi tutto...

Il “ritorno” di Michele Saponaro PDF Stampa E-mail
Sallentina
Martedì 29 Marzo 2011 14:11

[Relazione letta in occasione dell’Incontro di studi “Uno scrittore e la sua terra. Omaggio a Michele Saponaro” (San Cesario di Lecce, 14 dicembre 2007), confluita poi in Modernità del Salento. Scrittori, critici, artisti del Novecento e oltre, Galatina, Congedo Editore, 2009, pp. 45-53].

 

 

La manifestazione di questa sera vuole avere il senso di un doveroso omaggio a Michele Saponaro da parte del suo paese natale e da parte della terra salentina che questo scrittore per primo all’inizio del Novecento impose con le sue opere di narrativa all’attenzione nazionale inserendola in una ideale “geografia” letteraria accanto ad altre regioni italiane più celebrate, come la Sicilia di Verga e di Capuana, la Sardegna della Deledda, l’Abruzzo di D’Annunzio (e non a caso ho citato questi autori che furono indicati dai critici all’inizio come modelli per Saponaro). È questa anche, se non ci sbagliamo, la prima volta dopo la morte dello scrittore avvenuta nel 1959, che San Cesario celebra degnamente questo suo illustre figlio, se si eccettua la ristampa di un suo romanzo, Adolescenza, nell’ormai lontano 1983 che uscì con il patrocinio del Comune su iniziativa dell’Associazione Pedagogica “G. Battista De Giorgi”, a cura di Michele Tondo, presso l’editore Congedo di Galatina. Ma questo è solo il momento iniziale del processo di recupero e  valorizzazione dello scrittore che culminerà con un Convegno nazionale di Studi e una serie di altre manifestazioni che si terranno tra due anni, nel 2009, in occasione del cinquantenario della sua  scomparsa.

Leggi tutto...

Lezione di Marco Graziuso: Leggere poesia PDF Stampa E-mail
Lezioni a.a. 2010/11
Martedì 29 Marzo 2011 05:53

Lezione di lunedì 28 marzo 2011

Dim lights Download


Aneddoti piscatori PDF Stampa E-mail
I mille racconti
Domenica 27 Marzo 2011 17:54

PISCINA  AMMORBATA

 

Si erano appena diradate le ombre della notte quando partimmo per Castro. C'era anche il piccolo Nevio, tirato giù dal letto a fatica. A luce fatta, eravamo sullo spiazzo antistante la scaletta che porta verso la grotta della Zinzulusa. Un mattino luminoso come non mai ci permetteva di andare oltre il mare e 'toccare' le coste albanesi. Scendemmo sul piccolo pianoro a ridosso della scogliera a picco, e da lì cominciai a buttare malote e pulici in mare, allo scopo di far avvicinare il pesce. Sul più bello, da sopra, un tizio cominciò ad inveire contro di me; poi scese furibondo con l'intento di buttarmi in mare.

Leggi tutto...

Lezione di Raimondo Rodia: Maschere, segni esoterici e magici: un mondo nascosto da svelare PDF Stampa E-mail
Raimondo Rodia: Un mondo che non c'è più...
Sabato 26 Marzo 2011 14:09

Lezione di mercoledì 23 marzo 2011

 

Dim lights Embed Embed this video on your site

Dim lights Embed Embed this video on your site


<< Inizio < Prec. 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 Succ. > Fine >>

Pagina 244 di 257
Torna su