«La comunità è sempre una cosa buona» Stampa
Rassegna stampa
Domenica 23 Ottobre 2011 06:47

[Articolo apparso in www.galatina2000.it e in www.galatina.it]

 

«La comunità è sempre una cosa buona» scriveva Zygmunt Bauman. Quando questa comunità, aggiungiamo noi, si rende – con altre, poche realtà – funzionale alla costruzione di uno spazio culturale partecipativo, inclusivo e, dunque, democratico, essa non è solo una cosa “buona”, ma anche “utile”. A questo scopo l’Università popolare “Aldo Vallone” di Galatina ha dedicato la sua, ormai, ventennale attività. Fondata, infatti, nel 1992 da Zeffirino Rizzelli, Pietro Giannini ed altri quale “Università della Terza Età”, si è aperta al più vasto pubblico sotto la direzione del prof. Gianluca Virgilio, col nome di “Università Popolare”. Principio ispiratore dell’Università Popolare di Galatina è quello di offrire un aperto spazio culturale finalizzato ad avvicinare alla cultura tutta la cittadinanza, senza distinzione di età, sesso, confessione religiosa, etnia o ceto sociale. Anche per quest’anno l’Università Popolare offrirà alla cittadinanza galatinese e non un ricco calendario di incontri, relazioni e dibattiti ma, rispetto agli anni passati, gli abituali incontri settimanali saranno arricchiti da una giornata dedicata al cineforum ed un’altra dedicata ad incontri con autori locali, artisti, giovani studiosi ed altri personaggi differentemente legati al mondo della cultura. Attualmente è già stato stabilito il calendario delle attività per i primi due mesi (novembre e dicembre) del corrente anno, nel quale saranno presenti anche delle lezioni programmate in collaborazione con la fondazione onlus Popoli e Costituzioni Salento. Nel calendario che conterrà la prossima programmazione sarà, poi, inserita un’altra giornata dedicata ad un costituendo club di lettura per i soci dell’Università. Insomma, un’offerta culturale maggiormente arricchita al fine, come detto, di estendere sempre più il bacino di utenza dell’Università. Inoltre, da questo anno accademico le lezioni potranno, finalmente, a seguito dell’impegno dell’amministrazione comunale di Galatina, svolgersi in un luogo stabile: una delle sale del museo Pietro Cavoti, presso il Palazzo della Cultura intitolato alla memoria di Zeffirino Rizzelli. Vengo al punto con l’auspicio, rivolto a tutta la cittadinanza galatinese, di una collaborazione e di un responso, presso di essa, sempre maggiori, per far crescere e mantenere attiva un’istituzione che da vent’anni opera a servizio della società e della cultura del nostro territorio, avendo per scopo la sua elevazione qualitativa. A tal fine, per chiudere, invitiamo la cittadinanza galatinese a prendere parte all’inaugurazione del nuovo anno accademico, lunedì 31 ottobre, con una relazione del Prof. Gino Pisanò sulla Storia della biblioteca medievale con riferimenti alle biblioteche storiche salentine.